Traduci sito in:

itzh-CNenfrdejaptrues

btn PON 2014 2020

btn por

btn pubblicita legale

btn amministrazione trasparente

btn registro online

btn pnsd

testata scuola

Formazione a distanza

Agorà

 

 

CLICCA SUL LOGO PER ACCEDERE

 

AgoràPer affrontare la fase emergenziale di sospensione attività didattica determinata dall’emergenza Covid-19, ma anche per meglio supportare la didattica a distanza è stato adottato il NUOVO REGISTRO ELETTRONICO AGORA', grazie anche ai fondi erogati con Decreto Ministeriale n. 187 del 26 marzo 2020, finalizzato tra i vari punti anche a “consentire alle istituzioni scolastiche statali di dotarsi immediatamente di piattaforme e di strumenti digitali utili per l’apprendimento a distanza, o di potenziare quelli già in dotazione”.

Il registro Agorà, affianca il registro già in uso nel CPIA per la didattica in aula, ampliandone le funzionalità. Essendo collegato con il database del precedente registro non è necessario ridefinire account docenti ed alunni che potranno immediatamente accedere. Restano validi i gruppi classe già organizzati che potranno fruire di ulteriori strumenti per la didattica a distanza quali videolezioni (modalità sincrona) e materiale condiviso per lavori in autonomia (modalità asincrona).
Sono presenti anche numerose funzionalità per agevolare la gestione amministrativa a distanza che saranno comunque utili anche una volta usciti dalla fase emergenziale, come la possibilità di gestire riunioni online, condivisione di materiali, chat tra docenti e segreteria, notifica di circolari e somministrazione di questionari online al personale scolastico.

Per una descrizione più approfondita di caratteristiche e funzionalità del registro Agorà per la formazione a distanza, consultare la scheda allegata.

info icon 298x300In allegato, nota ministeriale del 17 marzo 2020: Prime indicazioni operative per le attività didattiche a distanza a seguito emergenza sanitaria da nuovo Coronavirus.

FAD 1La pagina dedicata del Ministero per l'istruzione con suggerimenti (in progress) per la didattica a distanza:

https://www.istruzione.it/coronavirus/didattica-a-distanza.html

Il link a: la mia scuola differente, sito di raccolta materiali, metodologie, esperienze, strumenti per la scuola che supportano la didattica a distanza.

https://www.lamiascuoladifferente.it/

Il sito Rai Cultura per le scuole italiane:

https://www.raicultura.it/speciali/scuola2020/

Una raccolta di tutorial presenti sul di INDIRE:

http://www.indire.it/tutorial-per-la-didattica-a-distanza/

 

weschoolGià a partire dall'anno scolastico 2018-2019 è stato attivato un percorso sperimentale per l'utilizzo della piattaforma WeSchool come supporto per la fruizione a distanza da parte dei corsisti del CPIA di Cosenza.

La prima parte ha previsto un percorso di formazione generale per docenti intrapreso nell’ambito del Piano Nazionale Formazione Docenti (PNFD) successivamente approfondito dall’animatore digitale del CPIA, Prof. Salvatore Belsito, unitamente ai membri del Team digitale, che ha organizzato un ciclo di incontri di formazione suddividendo i docenti in piccoli gruppi tematici.

Un link ad alcune risorse per comprendere potenzialità e modalità d'uso di WeSchool.

Nell'anno scolastico 2019-2020 la formazione è proseguita con i docenti di nuova nomina, mentre i restanti docenti hanno iniziato a creare le proprie classi virtuali ed introdurre materiale ed esercitazioni per gli alunni.

E' stata creata anche una repository in cui i docenti di aree comuni possano condividere i materiali ed i link più adeguati man mano che vengono creati o individuati in rete.

In virtù dell'emergenza "Coronavirus" la scelta di puntare su una formazione specifica per la FAD si è rivelata quanto mai utile.

Ma, perchè la scelta di WeSchool?

Nasce dall'analisi di varie soluzioni e piattaforme presenti online, non solo italiane, avendo però sempre presenti alcuni aspetti.

Il target: chi utilizzerà la mia piattaforma? Chi vive la realtà dei CPIA ben conosce la tipologia di utenza, che spesso è alle prime armi con la lingua italiana, ha scarse conoscenze informatiche, spesso proviene da categorie svantaggiate.

L’hardware: i nostri utenti di quali strumenti di fruizione dispongono? Spesso solo di uno smartphone per comunicare, pochi usano il PC o il tablet.
E l’istituto scolastico di cosa dispone (o potrebbe disporre)? Implementare un ambiente FAD semi-professionale richiede un PC server, una connessione internet accettabile ed una piattaforma (molte sono gratuite es. Moodle), questo può essere realizzato in tutti gli istituti con costi irrisori. Il problema è individuare all’interno di ogni istituto un amministratore che possa implementare e gestire la piattaforma.

Il software: innanzitutto deve essere capace di adattarsi ai diversi dispositivi usati, garantire la multimedialità, essere interattivo (integrare strumenti di chat e/o video chat), ma soprattutto avere un’interfaccia agevole per i docenti che devono caricare i contenuti e deve risultare di facile fruizioni, magari anche tramite APP, per i corsisti (le interfacce a cartelle vanno bene per gli addetti ai lavori!), inoltre deve permettere una facile registrazione degli utenti, senza dimenticare, infine, gli aspetti legati alla sicurezza, alla privacy ed al cyberbullismo.

Le soluzioni possibili sono suddivisibili in almeno tre livelli di complessità.

Low: Ambienti collaborativi online tipo Google per condivisione materiali (Google Drive), creazione materiali (Google Documenti, Presentazioni) comunicazione (Gmail, Hangouts, Duo), somministrazione semplici quiz (Google Form). Esiste anche la possibilità di registrarsi su Google come scuola per utilizzare l’ambiente Classroom, che permette di creare classi e profilare gli utenti in maniera centralizzata di fatto, però, le funzionalità sono quasi identiche rispetto ad un semplice account Google.
Rimanendo a questo livello di complessità forse è meglio utilizzare gli strumenti di condivisione e comunicazione già presenti in alcuni registri elettronici, come il SOGI adottato nel CPIA di Cosenza

Medium: utilizzo di piattaforme didattiche e social gratuite tipo Edmodo e Fidenia con possibilità di gestione classi e questionari (QuestBase). Ci sono anche soluzioni commerciali tipo ClassFlow, un software ideato per i display interattivi e le LIM Promethean; tale software nasce per modalità didattiche qual è, ad esempio, la Flipped Classroom.

In questo segmento, la piattaforma più innovativa, completa e flessibile è WeSchool, un prodotto italiano, gratuito, facilissimo da usare lato docente e studente (esiste un’APP specifica). Ha il grande vantaggio di integrare in un un’unica suite strumenti di condivisione (è possibile condividere di tutto e da ogni sorgente), di assegnazione compiti e verifiche, di gestione di scadenze, ma al contempo permette di collegarsi in videoconferenza, di registrare gli accessi alla fruizione dei contenuti, di creare esercizi e verifiche di ogni tipologia (anche cruciverba e videoquiz), che spesso richiedono strumenti a parte tipo “learnigapps” o altro.
Tra l’altro ogni docente può gestire più classi (gruppi) e far partecipare altri colleghi alla propria classe in modo da condividere contenuti e didattica. Facile anche la registrazione tramite mail d’invito. Nessuna necessità da parte della scuola di attivare risorse HW e SW

High: Uso di piattaforme (Learning Management System) LMS, sviluppate prevalentemente con ambienti quali Moodle che, attualmente, risulta essere lo standard più diffuso. Infatti, oltre che nella sperimentazione nazionale di INDIRE (adultiinformazione.it), Moodle è stato utilizzato da alcuni CPIA come Bologna, Lecce e Lecco per implementare ambienti FAD. Probabilmente in futuro si andrà in questa direzione, soprattutto se sarà sviluppata da INDIRE una soluzione unica, ma articolata, e se sarà data la possibilità in modo agevole ai CPIA ed agli ISS di accedervi.

Al momento WeSchool appare una delle soluzioni più agevoli e semplici da mettere in pratica ed utilizzare.

FAD SOGINel registro SOGI, adottato nel nostro istituto, esistono  i seguenti strumenti per la formazione a distanza sul profilo docenti e sul profilo studenti:

COMPITI A DISTANZA: Questa nuova funzione permette al docente di selezionare la materia, la/le classi, scrivere un testo e allagare un file, dare una data di consegna del compito e inviare il tutto agli studenti; questi avranno il compito di scaricare il file, leggere il commento, rispondere e ricaricare il file.

Il docente, in un comodo pannello, potrà verificare i lavori fatti.

CONDIVISIONE ALUNNI: il docente condivide del materiale didattico con gli alunni, impostando la data di visualizzazione e monitorando i vari download.

CONDIVISIONE DOCENTI: il docente condivide del materiale didattico con i colleghi.

GOOGLE CLASSROOM: collegamento a Gsuite e a tutte le sue funzioni.

GOOLE MEET: collegamento al sistema videoconferenza di Google Meet.

SISTEMA DI CONFERENZA: collegamento ad un sistema open di videoconferenza.

Accesso alla pagina dedicata

FAD SOGI 2

1 FD

Proseguono nella seconda decade di giugno gli incontri di formazione al CPIA di Cosenza.

Giorno 20 giugno si è tenuto un incontro di aggiornamento rivolto a personale docente ed ATA sul registro elettronico SOGi, a cura del responsabile nazionale della piattaforma dott. Matteo Bruschetta

Il registro SOGI è stato già adottato nel presente a.s. dal nostro CPIA e risulta essere largamente utilizzato nella maggior parte dei CPIA.

L’incontro ha permesso di comprendere le novità introdotte a livello ministeriale (patto formativo online su SIDI) ed un utile momento di confronto con le procedure e modalità organizzative poste in essere dagli altri CPIA.

A seguire, nell’ultima settimana del mese di giugno, l’animatore digitale del CPIA Prof. Salvatore Belsito unitamente ai membri del Team digitale, con il supporto del Dirigente scolastico Prof.ssa Clementina Iannuzzi che ha voluto fortemente promuovere l’iniziativa, ha organizzato un ciclo di incontri di formazione rivolti al personale docente, suddivisi in piccoli gruppi tematici, sulla piattaforma gratuita di e-learning WeSchool.

Dal prossimo anno scolastico, infatti, il nostro istituto intende promuovere l’utilizzo della FAD per come previsto dalla normativa ministeriale, integrandola nei percorsi ordinamentali ed anche all’interno della piattaforma contenente il registro elettronico.

Ricordiamo, infine, che l’iniziativa di formazione sull’e-learning si raccorda con il percorso già intrapreso nell’ambito del Piano Nazionale Formazione Docenti (PNFD) nel quale il CPIA di Cosenza è capofila di una rete di scopo per la formazione sulle FAD unitamente agli IIS dell’Ambito 1 di Cosenza.

 Link alle foto

Ultime Circolari e Avvisi

Albo: ultimi atti

  • Nessun atto in pubblicazione

Albo: ultimi Bandi e Gare

  • Nessun atto in pubblicazione

Albo: ultimi Incarichi

  • Nessun atto in pubblicazione

Albo: ultimi atti Personale

  • Nessun atto in pubblicazione